+39 347 4983853 info@laterrazzasulduomo.com

’A Chiena

‘A Chiena nasce dalla parziale deviazione del fiume Tenza attraverso un canale secolare artificiale, che capta le acque in località Chiatrone e le immette in piazza Melchiorre Guerriero facendole scorrere lungo il corso principale della città e le vie adiacenti del centro storico durante il periodo estivo.

La tradizione nacque in epoca imprecisata come sistema di pulizia delle strade. Nel 1889 venne risistemata la pavimentazione del corso Umberto I per facilitare il deflusso delle acque fluviali in modo da non allagare le abitazioni, e venne restaurato l’antico canale artificiale. Da allora, ogni anno i sindaci emanano una ordinanza per avvisare dell’allagamento, utilizzando finanche un banditore, che gira per tutti i quartieri della città, invitando la gente a non uscire di casa, per non bagnarsi.

Nel 1982, a distanza di due anni dal terremoto dell’Irpinia, e dopo un disuso durato lungo tutto l’arco degli anni 70, da un’idea progettuale di Angelo Riviello (un artista che fin dagli anni 70 lavora sulla “Identità & Memoria”, tra Milano e Salerno), e sotto la sua direzione artistica fu per la prima volta spettacolarizzata la Chiena, con musica classica, a cura di Vito D’Ambrosio e Gelsomino Fezza. Dal 1985, ‘a Chiena diventa un progetto sempre più definito (un work in progress, di residences e laboratori site specific di artisti tra i primi in Italia, con sede nell’ex Convento dei Frati Domenicani di San Bartolomeo), trasformata in una kermesse artistico-culturale che si centra attorno al tema universale dell’Acqua, della storia del luogo e alla Fontana della Chiena dalla quale sgorga l’acqua del fiume e dove, durante i giorni dell’allagamento, vengono svolte rappresentazioni artistiche (performances e azioni blitz), teatrali, musicali, passeggiate, secchiate, e attività ludiche.

Dal 1995 ‘A Chiena è gestita dalla Pro Loco “Città di Campagna” nell’aspetto esclusivamente ludico delle passeggiate e delle secchiate.

Attività che si svolgono durante ‘a chiena:

  • ‘A secchiata. È la solo usanza rimasta, unitamente alla “passeggiata”, dal 1985, con il Progetto “Chiena” scaturito nella prima edizione della Rassegna dell’Acqua – La Chiena, nel coinvolgimento del pubblico, unitamente alle passeggiate e alle performance spettacolari degli artisti, che ha dato maggiore notorietà alla manifestazione. Ogni domenica pomeriggio si svolge nelle strade una sorta di sfida lanciandosi reciproche secchiate d’acqua;
  • Passeggiata. L’altra usanza rimasta (alternandola alla “secchiata”, si continua a passeggiare, però la domenica mattina, da 15 anni, con i piedi in acqua, lungo il corso principale della città;
  • Chiena di Mezzanotte. Il 16 e 17 agosto, a mezzanotte in punto, viene allagata la città, mentre, nell’insolito scenario notturno, si svolgono spettacoli spontanei, musicali, teatrali e di danza;
  • Chiena Folk Festival. Danze e balli popolari nell’acqua, con musica etnica e folkloristica, in concomitanza con l’allagamento delle strade del centro storico. Durata: un solo giorno.

Fonte Wikipedia


wp_6653169

No description.Please update your profile.

LEAVE A REPLY

    Seguici su:

    Facebook
    Instagram

    Cattedrale di Salerno

    Cattedrale di Salerno

    Vista della Cattedrale di Salerno dalla Suite del Bed & Breakfast

    INFORMAZIONI